Il Guerriero della Luce

guerriero

Il guerriero della Luce … quanto tempo è passato! Mi spiego: stamattina mio Papà mi ha girato un breve messaggio, significativo, tratto da uno scritto dell’autore brasiliano Paulo Coelho.

Il buon Coelho ci ha fatto un dono prezioso e comprensibile raccogliendo una serie di suoi articoli pubblicati tra il 1993 e il 1996, unendoli appunto nel “Manuale del Guerriero della Luce” (uscito in Italia la prima volta nel 1997 per Bompiani). Tale libricino è a tutti gli effetti un “manuale” contenente molti tesori, ricchezze in abbondanza e grande saggezza per chiunque abbia un po’ di voglia di ascoltare, evolvere e cambiare marcia nella propria esistenza.

In ogni libro, tra le prime pagine, scrivo la data di inizio lettura. Dopo aver ricevuto l’ e-mail di mio padre, stamane, la voglia di fare un tuffo nel passato è venuta a farmi visita, così sono andato alla ricerca di quel libricino blu tra le ante della mia piccola libreria. Il testo è poco più grande di un compact disc, per un attimo ho pensato che fosse introvabile in mezzo al disordine che ho tra i miei libri, invece… eccolo! Lo apro e vedo, immancabile, la mia scrittura gallinacea ma fiera: “comprato a Verona il 15 Febbraio 2003”… “iniziato la notte tra il 23 e il 24 febbraio 2003”. Lo sfoglio e vedo che ogni pagina è sottolineata, scarabocchiata con appunti, disegnini, schemi… di tutto e di più. Insomma, un libro impresentabile a chiunque me lo chiedesse in prestito eh! Ricordo in un batter d’occhio le notti di quei giorni, di come mi entusiasmasse ogni pagina.

Quel manuale era un piccolo Vangelo, una luce destinata al mio percorso. Sono passati quasi otto anni.
Chi ero otto anni fa? Mi chiedo soprattutto com’ero prima e dopo la lettura di quelle stravaganti idee di un autore brasiliano che era passato dall’essere un discografico fallito a divenire uno dei più grandi scrittori mondiali contemporanei. Ponendo la domanda in modo più ampio: quante volte siamo cambiati grazie a dei libri? Moltissime.
L’autore Og Mandino nel suo “Il più grande miracolo del mondo” perpetra l’idea che ci siano degli scrittori che portano, inconsapevolmente, la firma di Dio tra le loro pagine. In quest’ottica fiabesca – ma non troppo – Og s’immagina che Dio usi un modo molto tenero e discreto per indurre pensieri nuovi alle Sue Anime: viene e si sceglie delle “mani d’autore” per rinnovare ideali e immagini senza dover per forza passare sempre attraverso esperienze personali dirette.
Non so se Og Mandino avesse scritto quel pensiero solo per dare un filo al suo racconto, ma a me piace pensare che abbia ragione. Anzi, non è che mi piaccia pensarlo, lo sento proprio nel Cuore. Il Cuore sa già tutte le cose e io mi fido ciecamente di lui perchè è il mio più grande sostenitore fisico in terra: a chi dovrei credere se non a chi pompa gratuitamente il sangue nelle mie vene facendo oltre 100.000 battiti al giorno? Lui può essere solo sincero con me. Perciò, per me, Og ha ragione.

So di avere compiuto gli studi più utili su libri come questi, leggendoli, amandoli e testandoli sulla realtà con la testardaggine più acuta. E pensare che mentre ero uno scolaro schivavo i libri quasi fossero degli appestati! Non vedevo un piacere nella lettura a causa dell’imposizione. Quando l’imposizione è scomparsa, si è fatta avanti la mia voce interiore che, guarda un po’, amava leggere. Comunque, essendomi già dilungato – forse un po’ a sproposito e chiedo venia – ritorno all’unico motivo che mi ha spinto a scrivere questa nuova pagina: riportare il testo che ho ricevuto poche ore fa da mio Padre.

Il guerriero della luce ha appreso che Dio si serve della solitudine per insegnare la convivenza.
Si serve della rabbia per mostrare l’infinito valore della pace.
Si serve del tedio per sottolineare l’importanza dell’avventura e dell’abbandono.
Dio si serve del silenzio per fornire un insegnamento sulla responsabilità delle parole.
Si serve della stanchezza, perché si possa comprendere il valore del risveglio.
Si serve della malattia per sottolineare la benedizione della salute.
Dio si serve del fuoco per impartire una lezione sull’acqua.
Si serve della terra, perché si comprenda il valore dell’aria.
Si serve della morte per mostrare l’importanza della vita
”.
(Manuale del guerriero della luce – Paulo Coelho).

Prossimamente potrei riprendere alcuni di questi “articoli”. Qui vi lascio un video che ho trovato su youtube ispirato sempre da questo magico libricino (tra l’altro con un brano di sottofondo che ADORO e mi riporta a suoni di un passato che mi appartiene).

Quasi dimenticavo: auguro a tutti voi e di Cuore un 2011 significativo, ricco di coraggio e di armonia, di saggezza, di Pace, di Amore e gratitudine, di realizzazione del proprio cammino personale, di espressione piena dei propri talenti, di soddisfazione materiale e sentimentale. Vi auguro e mi auguro un anno che trabocchi di conversione quotidiana al Bene e alla Luce.

Pubblica su Facebook
  • Facebook

Facebook comments:

“quante volte siamo cambiati grazie a dei libri?”

Hai mai pensato che anche ciò che scrivi tu qui, le tue canzoni, la tua musica, potrebbero cambiare e arricchire l’esistenza di qualcuno, proprio come questo libricino ha fatto con te 8 anni fa?
Perchè sta accadendo: la profondità e l’armonia della tua anima, la gioia e la passione che comunichi sono arrivate proprio al momento giusto nella mia vita e chissà, tra qualche anno rileggerò queste pagine e proverò una immensa gratitudine per te che mi hai regalato emozioni e insegnato qualcosa che conta veramente.

In più, la cosa che mi ha stupito è che ho ricevuto il manuale del guerriero della luce per natale e proprio il giorno in cui ho iniziato a leggerlo ho aperto questo blog e chi ho trovato? proprio lui! …mi sa che c’è lo zampino di Qualcuno lassù ;)
Giulia


Giulia01/12/2011

Ricordo quando, qualche anno fa, lessi una tua diary in cui citavi Coelho…All’epoca non sapevo ancora bene chi fosse, ma la citazione che riportavi mi colpì al punto che comprai gran parte dei sui libri. Libri che son diventati parte di me, della mia vita e che mi hanno dato tanto…Non posso che trovarmi d’accordo quindi quando dici che i libri hanno il potere di cambiarci. Ah, la citazione in questione è contenuta in quello che è diventato il mio libro preferito, “L’Alchimista”: “Quando desideri qualcosa, tutto l’universo cospira affinchè tu realizzi il tuo desiderio”. Grazie per questo post, Lore. Ma grazie anche per quella diary che mi spinse a scoprire questo grande scrittore. :)


Vania01/11/2011

Innanzitutto, ti rinnovo gli auguri di buon anno, cosa che non fa mai male :D
Grazie per aver postato queste righe del libro del mitico (a dir poco) Coelho, mi hai fatto rivivere i momenti in cui anch’io l’ho letto, due estati fa. Ad ogni riga sensazioni sempre più profonde e capaci di aprire il cuore e far riflettere, in modo spontaneo. Penso che avere conferme importanti a domande altrettanto importanti grazie a un libro o ad una canzone sia una delle cose più belle che possa mai capitare.
Un abbraccio,
Anna


Anna**01/11/2011

LIBRO COMPRATO A VEROOONAAA! ;D
Anchio ce l’ho, ho tutti i libri di Coelho, mi piace un sacco!
Comunque VERONA ti aspetta ancora sai Fanci?! :D
BACI, e complimenti per il tuo BLOG, come sempre..
Penni.


Penny01/11/2011


Coelho è l’unico autore costante nella mia vita, i suoi libri mi hanno sempre regalato bellissime sensazioni che tutt’ora non so spiegarmi. Ho iniziato a leggerlo a 14 anni, e da allora non ho più smesso. Ancora mi mancano diversi titoli ma il tempo per lui lo trovo sempre.


Milena01/11/2011

Questo amore per la lettura di testi che senti necessari per la tua evoluzione,ti permetterà di non sentirti mai solo,ma felice di sapere che puoi godere della tua compagnia assieme ad un libro illuminante.
E’un ulteriore modalità che il buon Dio ci propone per nutrire la nostra anima.


bianca01/11/2011

“quante volte siamo cambiati grazie a dei libri? Moltissime.”

sono d’accordo.
molto spesso però si cercano libri “impegnati” pensando che solo questi possano dare qualcosa..
invece, poco tempo fa, ho ritrovato “va dove ti porta il cuore” di Susanna Tamaro. lo lessi da bambina, e ho voluto rileggerlo, non so perchè. (si dice che tra le mani ti finiscono sempre libri di cui hai bisogno in quel momento.. magari sempre per opera di Dio ;) )
è un libro MERAVIGLIOSO. nella sua semplicità, da insegnamenti di vita incredibili. ve lo consiglio vivamente!


Ceci01/11/2011

Grande Coelho, anche nella mia vita è uno degli autori che arriva nel momento giusto per concretizzare un cambiamento insito e pronto a sbocciare… e come te segno nei miei libri luogo e date che possano riportarmi al momento in cui quel libro mi ha scelto… che magia…..

“Ogni lettore, quando legge, legge se stesso.
L’opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso.”

Marcel Proust

Un saluto ad Alberto!!! :)


Eli01/10/2011

Add a comment

6 + 5 =