DIARIO TERRA SANTA: Dove il Viaggio ha inizio

IMG_0126

Il viaggio non soltanto allarga la mente: le dà forma“. (Bruce Chatwin).


 

Da oggi darò spazio a un racconto che mi sta particolarmente a cuore: il recente viaggio in TerraSanta vissuto dalla mia allegra e fraterna band, i The Sun. Dal 24 Febbraio al 3 Marzo 2011 siamo stati infatti chiamati a portare la nostra musica in quella Terra unica e speciale.

Israele e la Palestina non spiccano nella lista degli stati comunemente noti per ospitare show di rock band europee :-D In effetti credo sia per questo motivo che molti mi hanno posto ogni sorta di domanda sulla nostra scelta di andare a suonare là proprio in questo frangente storico. Voglio mettere un paletto e partire da qui: la nostra non è stata una scelta, noi abbiamo accolto una chiamata. Poi potremo disquisire su come questa chiamata sia avvenuta grazie alla nostra disponibilità di Cuore, ma non v’è dubbio che il Regista di questa esperienza va oltre i nostri prevedibili piani umani.

Il 19 Novembre 2010, la sera della vigilia della nostra tournée italiana e antivigilia del mio compleanno, ero qui in studio da solo. Come ogni notte prima di un evento importante stavo raccogliendo le mie emozioni, riflettevo, mi ascoltavo. La Luna stava per diventare piena e tutto concorreva al mio discernimento spirituale. In quel frangente arrivò nella casella di posta elettronica della band un messaggio che rappresentò un vero segno. Stranamente prima di andare a dormire andai a controllare le e-mail e… non credevo ai miei occhi. Mentre leggevo quelle parole chiamai subito Ricky Trash (batterista) che a sua volta aveva letto lo stesso messaggio pochi istanti prima. Fu un momento molto forte, un momento felice. Desidero condividere questa e-mail con voi, perché è dalla chiamata che si parte. Le esperienze più importanti sono segnate per sempre dal loro inizio.

 

From: “abuna Mario” ————–@gmail.com

Sent: Friday, November 19, 2010 10:37 PM

To: <info@sunmedia.it>

Subject: concerto a Betlemme

Ciao . Vi scrivo da Betlemme ! Sono don Mario un giovane prete italiano che vive qua da un po’ di tempo…la mia missione è sostenere le comunità cristiane della Terrasanta ed aiutarle a resistere…vi volevo proporre una cosa: perchè non venite a fare un bel concerto il 1 marzo a Betlemme ??? Ogni anno il 1 marzo facciamo una manifestazione “contro” il muro di divisione costruito sulla nostra terra in modo unilaterale da parte dello stato di Israele e così da diversi anni facciamo questa iniziativa alla quale partecipano diversi giovani (anche italiani…). L’idea quest’anno era di fare il concerto del 1 marzo la sera con alcuni gruppi….ho letto della vostra esperienza e lo Spirito mi ha suggerito di scrivervi… Un abbraccio e a presto ! abuna Mario

 

 Il nostro viaggio è partito esattamente da qui, dal Cuore di un uomo. Per Don Mario è lo Spirito ad averlo ispirato, per altri potrebbe invece trattarsi solo di un insieme di concause, nozioni e informazioni materiali.

In Cuor mio sapevo perfettamente cosa significava questa e-mail, e perché arrivava proprio quella sera, anche se non avevo la più pallida idea di come un prete a Betlemme potesse conoscerci e volerci così tanto bene da chiamarci a suonare là senza aver mai avuto alcun contatto con noi. Lasciai passare alcuni giorni e, dopo averne parlato con Ricky e con Marco, il nostro manager, risposi a Don Mario con grande entusiasmo.

Il piano del Don prevedeva che noi ci unissimo ad un gruppo di pellegrini provenienti da tutta Italia per facilitare i nostri spostamenti e per permetterci di viaggiare “tranquilli”. Una volta arrivati in Israele lui si sarebbe unito a noi, facendoci da tour manager per una settimana con un van a parte per noi.

Sapevo poco di quel gruppo di pellegrini: si trattava di un misto di Scout (www.Scout-for-peace.it) e di persone simpatizzanti del movimento per la pace Pax Christi (www.paxchristi.it).Per capirci: non era il classico team di signore anziane che fanno il giro turistico in Palestina dormendo in hotel 4* :-)  In loro intuivo la presenza di una matrice attivista mossa dai tipici intenti della vocazione missionaria. Io e la band non sapevamo come prendere la cosa, era tutto alquanto confuso, però decidemmo fin da subito di onorare il nostro impegno dando totale fiducia a chi operava per organizzare tutto ciò (e poi, chi era veramente?).

Tra tante date disponibili ci fu comunicato che il volo Milano-Tel Aviv era fissato per le 7.00 del 24 Febbraio: il giorno del trentesimo compleanno di Ricky, fondatore della band (!!!).

Dei tanti teneri segnali che vengono donati ad ognuno di noi nel corso della vita, ogni tanto spicca qualcosa di eclatante che sembra essere lì per farci da torcia. Sta a noi poi il voler leggere o far scorrere tali accadimenti.

Ricky si trovava a compiere i suoi trent’anni proprio nel giorno in cui arrivavamo per la prima volta in Terra Santa e, senza saperlo, nel corso di quei giorni avrebbe anche ripetuto la promessa del Battesimo proprio nel Giordano! Non vi dico le battute…(la tradizione vuole che Gesù iniziò la sua predicazione pubblica a trent’anni dopo essere stato battezzato da San Giovanni Battista nel Giordano).

 

Notte del 24 febbraio, ore’1.30 … to be continued ;)


 

 

ps: dal prossimo post, presumibilmente giovedi sera, inserirò anche dei video-report e tante foto.

Confido anche nella vostra bontà per condividere a quanti più possibile questo viaggio che appartiene non solo a noi bensì a tutti!

Love You.  

 
 
 
 
Pubblica su Facebook
  • Facebook

Facebook comments:

Wow. Mi sono arrivate emozioni forti a leggere quel messaggio: non immagino la gioia che avrete provato voi.
Continuate così!
Simmy.


Simmy03/16/2011

Concordo in tutto con Barbara :)
Quello che avete fatto è davvero qualcosa di grande, ed il modo in cui è successo lo rende ancora più speciale.


Serena03/15/2011

Francy.. non ho parole.. =))
Io LO SAPEVO che voi eravate state “chiamati”.. non appena l’ho saputo ho pensato che non ci fosse NESSUNO meglio di voi per portare messaggi di PACE, AMORE, ARMONIA, UNITA’, FRATELLANZA in una terra che ne ha tanto bisogno.. e i segni sono la conferma! ORa attendo il resto del racconto per fare commenti.. e battute!! =)) =P
Bacio! <3


Miha03/15/2011

Wow!
Sai leggendo queste righe tanto attese ancora una volta mi hai dimostrato quanto siete speciali, vorrei spiegarti l’emozione unica che mi riscalda il cuore quando la consapevolezza di aver avuto la fortuna di incontrare quattro persone speciali mi invade, quando mi sento così fiera di voi e grata.
Grazie per aver portato avanti questo viaggio in nome di tutte le persone che credono in voi, di quelle che comprenderanno presto il vostro valore e quelli che per invidia di fronte alla vostra forza vi ostacolano.
Complimenti!


Barbara03/15/2011

Add a comment

4 + 8 =